Project Description

Un corteo di oltre mille persone ha sfilato per le strade di Isernia al grido “Non starò più zitta, per Giulia, Romina, Stefania e tutte le vittime di femminicidio”. La manifestazione è stata organizzata dagli studenti dell’Isis ‘Cuoco-Manuppella’ il 25 novembre. Hanno accolto l’invito ad aderire anche le altre scuole della città, le autorità civili, militari e religiose e tanti cittadini, l’evento ha avuto il patrocinio del Comune. I ragazzi del nostro Istituto ringraziano tutti: “Dalla nostra città, tutti insieme, abbiamo dato un segnale forte”. Nei cori e negli slogan i nomi di Giulia Cecchettin, Romina De Cesare, ex studentessa del ‘Cuoco’ assassinata dall’ex fidanzato, e Stefania Cancelliere, giovane madre originaria di Isernia e uccisa a Legnano (Milano) dall’ex compagno. Il passaggio del corteo è stata accolto con partecipazione anche dagli esercenti che hanno allestito le vetrine con i simboli della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza. I manifestanti si sono sciolti nel Parco stazione dove gli studenti dell’Isis ‘Cuoco-Manuppella’ hanno allestito un Mostra espositiva. Il quotidiano online Isnews chi ha dedicato un reportage https://www.isnews.it/2023/11/25/isernia-oltre-mille-studenti-in-piazza-per-dire-basta-alla-violenza-sulle-donne-video-e-foto/ Toccante il momento dell’apertura del “Lenzuolo della Memoria – Ricamare Ricordando” dove gli studenti del ‘Manuppella’ hanno ricamato il nome di Giulia Cecchettin.